Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

14 novembre 2007

Padre e figlio

Entrambi sono prodotti in Emilia. Entrambi provengono da mosto di uve emiliane. La differenza è che il primo, “il padre”, l’aceto balsamico tradizionale (di Modena o di Reggio Emilia), è sottoposto ad un lungo (almeno 12 anni) invecchiamento, mentre l’altro, “il figlio”, la saba, ad uno molto meno lungo (almeno 6 mesi).
Voi certamente conoscerete di più l’aceto balsamico tradizionale che si usa in innumerevoli piatti salati e dolci, dando un tocco di classe a infinite ricette semplici (ad esempio, “tout simplement”, scaglie di Parmigiano Reggiano e balsamico) e più complesse.
Ma la saba è un prodotto altrettanto interessante, di origine antichissima, prodotto da mosto d’uva e utilizzato anch’esso in numerosi e notevoli piatti. La saba non è altro che mosto cotto a fuoco diretto, successivamente ridotto ad un terzo della sua quantità iniziale e maturato e invecchiato.
Questo prodotto, di colore rosso scuro e sapore dolce, un tempo tipico dell'alimentazione contadina, dà un tocco in più a yogurt bianchi e a gelati e granite, ma può essere anche usato in piatti salati con un utilizzo simile all’aceto balsamico. Ad esempio può dare un tocco dolce e di contrasto alle carni dal gusto deciso o essere usato come condimento o ancora per condire legumi e castagne…

10 commenti:

Kja ha detto...

Ma la saba sarebbe il cosiddetto "vino cotto"? Me l'hanno fatto scoprire recentemente due amici e l'ho trovato buonissimo, pieno di profumi e sapori.
Grazie per le tue preziose spiegazioni.

lefrancbuveur ha detto...

Si tratta di mosto, non di vino cotto. E' ottima e il suo utilizzo è versatilissimo!
Tu di quale città sei? io l'ho comprata in centro a Bologna.
Fammi sapere, se la compri, come la usi. Saprai senz'altro dare con la saba un tocco speciale a molti piatti grazie al tuo estro!

anna ha detto...

In Sardegna ricordo di aver mangiato spesso un dolce buonissimo, con frutta secca e mosto cotto: il "pan'e saba" scritto proprio così!
Ciao, a presto.

lefrancbuveur ha detto...

non sapevo della sua esistenza anche in sardegna.
Un saluto
lfb

Viviana ha detto...

maaaa. si trova facilmente la saba? non l'ho mai notata in giro... mi fai sempre scoprire un sacco di cose nuove! :D
buonissimo week end!!!

lefrancbuveur ha detto...

non lo so ma penso di si. nei negozi ben forniti...tu poi in fondo non sei lontana da bologna dove si trova ampiamente
buon weekend anche a te!

Alex e Mari ha detto...

Anche io conoscevo la saba come prodotto tipico della Sardegna! Buono a sapersi che si trova anche sul continente :-) Conosci il blog della Trattoria Muvara? Li si trovano alcune ricette con la saba.
Buon WE, Alex

lefrancbuveur ha detto...

Andrò a vedere il loro blog, è interessante conoscere nuove ricette su questo buonissimo prodotto.

marcella candido cianchetti ha detto...

grazie x non conoscevo la saba buon inizio di settimana

lefrancbuveur ha detto...

grazie marcella, anche a te!