Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

11 febbraio 2010

A passeggio nella città di Balanzone

Dopo tante volte che sono stato a Bologna, è giunta l’ora di segnalare qualche posticino (legato al food, ovviamente…) dove fare shopping o mangiare qualcosa di buono.
Quella che segue quindi è una sorta di miniguida molto essenziale, con indicazioni però assolutamente circoscritte e non esaustive.
La guidina segue un itinerario che è sostanzialmente lungo la direttrice “Stazione-Piazza Maggiore” (e dintorni), indicando alcuni posti di rilievo che (secondo me) si trovano in quest’area, ordinati secondo il percorso che si fa tra questi due estremi (la stazione e Piazza Maggiore appunto) e collegati sostanzialmente dalla lunga Via Indipendenza. I locali segnalati, quindi, sono indicati in ordine “spaziale” e non ad esempio per tipo di pasto o locale.
Allora cominciamo con il nostro itinerario. Tipicamente a Bologna si arriva in treno e già all’interno della stazione c’è un posto da segnalare. E’ la Dispensa Emilia, una tigelleria tradizionale. Ogni volta che vengo a Bologna, mi fermo sempre in questo posticino che potrebbe aver l’aria di uno dei soliti bar presenti in stazione dove si mangiano terribili paninacci. Invece questo posto merita veramente una sosta. Si mangiano delle tigelle, tra cui quella che adoro è quella classica al pesto e parmigiano, ma ce ne sono tantissime altre molto buone. In abbinamento, si può bere un ottimo bicchiere di Lambrusco o altri vini tipici locali. Dunque se avete necessità di mangiare bene ma veloce, questo è un buon indirizzo. Pensavo di tenere segreto il nome di questo locale che a me pur piaceva tanto, perché forse qualche purista poteva storcere il naso, ma quando ho sentito parlare bene di questo posto da uno che se ne intende e cioè il gastronauta Davide Paolini, ciò mi ha molto rincuorato :-).
Iniziando a percorrere Via Indipendenza dalla stazione e camminando sul lato destro sotto i portici, segnalo un posticino che forse non potrà piacere a tutti ma è sfizioso e secondo me buono (coloro che frequentano solo ristoranti stellati e posti del genere passino alla prossima segnalazione, please). E’ un negozietto che si chiama “6 fritto” e che offre evidentemente cose fritte: pesce fritto ed altri tipi di fritti in cartoccio, da mangiare sul posto o da portare via. Si va dalla frittura di totani, gamberi e calamaretti a quella tipica di Bologna (crema fritta, polpettine), al fritto di verdure e ad altro ancora. Il posto è adatto per uno snack prima di cena, quando si ha un po’ di fame ma non si vuole esagerare.
Proseguendo su Via Indipendenza, deviando un po’ sulla sinistra su Via Irnerio e girando poi a destra (questa è una deviazione un po’ più importante rispetto al nostro itinerario) si trova una bellissima enoteca-ristorante, la cantina Bentivoglio.

E’ un posto veramente carino, dove si ascolta anche della buona musica jazz e dove sono stato l’ultima volta che ero a Bologna a bere un bicchiere con i simpaticissimi Luca e Sabrina. Oltretutto le numerose bottiglie presenti “arredano” il locale e lo rendono veramente delizioso!
Tornando di nuovo su Via Indipendenza, quest’ultima ad un certo punto incrocia sulla sinistra Via Righi, dove si trova la trattoria da Tony. Locale semplice, con foto varie e maglietta del Bologna attaccate alle pareti, offre i piatti tipici della cucina bolognese a prezzi onesti.

L’ultima volta che ci sono stato, visto che faceva un freddo notevole, ho preso degli ottimi passatelli in brodo e uno dei miei miti tra i piatti bolognesi: la cotoletta alla bolognese. Il ristorante offre anche altri classici della cucina felsinea come i tortellini in brodo o al ragù, le lasagne o le tagliatelle alla bolognese. Come secondi piatti, sono buoni anche i bolliti.
Approdiamo lentamente a Piazza Maggiore, dove ci attende la statua del Nettuno. Poco prima, però, girando a destra su via Ugo Bassi e percorrendola sul lato sinistro, dopo 5-10 minuti a piedi sotto i portici si incontra un’istituzione per i bolognesi, il caffè storico (risale al 1907) e pasticceria Gamberini.

E’ un posto molto buono per gli aperitivi ma anche per le sue brioches mattutine e conserva gran parte degli arredi di un tempo, ben restaurati. Secondo la guida dei locali storici “è nella leggenda dei bolognesi perché la mattina presto serviva paste e brioches calde anche dalla porta di servizio nella via laterale, dove si formavano lunghe code”.
Ora facciamo il percorso a ritroso e ritorniamo a Piazza Maggiore. Dopo aver ammirato il Nettuno, la bella piazza, gli splendidi palazzi e la Basilica di San Petronio, possiamo continuare il nostro giro di “zingararate” enogastronomiche. Vicino alla piazza, un posto da non mancare è anche l’Osteria del Sole, un locale storico e d’altri tempi, con mille foto attaccate alle pareti e dove bere esclusivamente un buon bicchiere di vino (qui non si può mangiare).



A pochi passi da questo locale, c’è quella che io chiamo “la via dei tortellini”. Uno dopo l’altro, ci sono due negozi che vendono, sia pur a prezzo non certo economico, tortellini, tortelloni, ravioli, gnocchi e altre prelibatezze tipiche (anche dolci) bolognesi, preparate in modo artigianale.
Un primo negozio a Via Caprarie si chiama Paolo Atti e Figli, locale storico che mantiene l’arredamento stile Ottocento e Liberty dove personaggi illustri, sempre secondo la guida dei locali storici, amavano sostare e intrattenersi a parlare col proprietario di prelibatezze locali.



Accanto c’è Tamburini che allo stesso modo offre golose paste fresche e prodotti di alta salumeria.
Sempre lì vicino, c’è la bellissima libreria Coop che ha la caratteristica di offrire, accanto agli scaffali dei libri, i prodotti tipici di Eataly; ma al suo interno sono presenti anche un ristorante, un’enoteca e una birreria, contornati al tempo stesso da libri, conserve, cibo confezionato di qualità e altri prodotti di questo genere.
Il nostro breve tour gastronomico di Bologna finisce qui. Se ne potrebbero immaginare tanti altri, con segnalazioni di posti altrettanto buoni e altrettanto tradizionali, ma anche più “innovativi”. Ad esempio ho sentito parlare molto bene (me lo accennava anche lei) del ristorante Casa Monica (Via San Rocco, 16 tel. 051 522522), che però non ho ancora sperimentato.
Chiudo il post, visto che siamo nel pieno del periodo di Carnevale ed oggi è giovedì grasso, con la dedica ad un personaggio e ad una maschera rappresentativa di Bologna: Balanzone, un dotto uomo di legge che è chiamato così perché il suo nome deriva da balanza, bilancia, simbolo della giustizia. E’ un personaggio un po’ saputello, che si lancia spesso in elaborati discorsi pieni di citazioni colte, in un latino spesso storpiato. Ha delle guancione rosse, è vestito di nero, con un gran cappello e mantello ed ha un mega pancione….

Ed io e Balanzone vi salutiamo, gustando degli ottimi dolci fritti di Carnevale che si mangiano in questo periodo a Bologna…

21 commenti:

gh ha detto...

Aïe! Aïe! Il ne faut pas y aller quand on est régime!! Tous ces mets ont l'air délicieux. J'ai vu sur le site de la trattoria de Tony qu'ils faisaient du fast food aussi? Avec des hamburgers à la bolognaise? Moi, j'avais envie de tenter un breizh hamburger mais je ne sais encore comment. j'y réfléchis.
Bye.

Max ha detto...

Bologna "la grassa". E mica per caso.

Lefrancbuveur ha detto...

@Gh: fast food? je crois pas...mais je pense qu'un breizh burger doit etre très intéressant le meme :))

@Max: già, lo è la cucina, Balanzone, e chi va a visitarla :)

Elisakitty's Kitchen ha detto...

Grazie per i consigli se dovessi andare a Bologna mi ricorderò di segnarmi i tuoi posti segnalati. Sono sicura che sono consiglio da vero buongustaio, quale sei tu.
Buon giornata con tanto di neve romana

francesca ha detto...

Che voglia di tortellini....li ho comprati ultimamente, nota marca....prodotto di esportazione, ma non erano affatto buoni, il commento di mio marito, che e` tedesco e` stato "gomma da masticare!" Mi sa che dovro prepararmeli in casa!
Grazie per le indicaioni....... Bologna e` sulla strada per casa e prima o poi la visiteremo.
francesca

Lefrancbuveur ha detto...

@Elisa: hai visto che neve? peccato sia durata poco

@Francesca: dove abiti in Germania e dove la tua "casa" in Italia?

Henriette ha detto...

Bien jolie cette promenade par Bologne!
Bonjour Enrico!
Je suis en train de savourer un bon thé bien chaud car ici on se gèle. C'est pire qu'à la montagne, plein de neige, de verglas et de vent!
Vivement le printemps et le soleil.
Je te fais de gros poutous et je te dis à très bientôt,
Amicalement, Henriette.

Lefrancbuveur ha detto...

Henriette, meme à Rome il a neigé...il fait froid meme ici...
Esperons qu'aujourd'hui le temps soit meilleur: je vais voir le rugby (6 nations). L'équipe de France hier a bien gagné. A bientot.

Enrico

Anna Righeblu ha detto...

Buona idea questa miniguida... se mi capiterà di andare a Bologna, la porterò con me.
un saluto

manuela e silvia ha detto...

Ciao! siamo state solo una volta a bologna, ma non abbiamo avuto l'occasione di girovagare per i locali...abbiamo però promesso a Luca e Sabrina che li verremo a trovare...e non ci faremo certo sfuggire l'occasione per una visita più enogastronomica ;)
un bacione

marguerited ha detto...

che bello questo tuo reportage, le foto e le descrizioni, da conservare tutte le indicazioni in caso di partenza per bologna
un abbraccio da marg

Lefrancbuveur ha detto...

@Anna e Marg: quando sperimenterete questi locali, fatemi sapere :)

@Manuela e Silvia: Luca e Sabrina vi porteranno sicuramente in posti giusti ;)

Luca and Sabrina ha detto...

E'bello vedere con gli occhi del turista luoghi che per noi sono familiari e col tempo finiscono per passare inosservati. Siamo curiosissimi di andare a scoprire il ristorante A Casa di Monica, ancora ti ringraziamo per la segnalazione, non lo conoscevamo finchè non ce ne hai parlato tu. Ovviamente poi ne parleremo in un post.
Un bacio e complimenti per questo bel post, la foto finale dei dolci di Carnevale ci ha smosso l'acquolina, troppo buoni!
Sabrina&Luca

Lefrancbuveur ha detto...

Luca e Sabrina: grazie a voi e...buon martedì grasso :))

Daniela ha detto...

E' da una vita che non frequento piu' Bologna, molto interessante il tuo reportage ricco di indicazioni utili, nel caso di una prossima visita.
Ciao Daniela.

APRANZOCONBEA ha detto...

caro Enrico, ecco che finalmente son riuscita a leggere la tua passeggiata bolognese. ottime indicazioni per una toccata giornaliera, perché alla fine uno ha tempo di fare proprio il tracciato dritto stazione piazza.. l'unica cosa che non farei è andare da 6fritto. non proprio salutare a mio parere. ma è mio il parere, quindi sindacabilissimo! ;-)

Lefrancbuveur ha detto...

@Daniela: grazie

@Bea: sapevo delle possibili "critiche" (ben tra virgolette) al locale "6 fritto", ma ho anche precisato che per definizione il locale non può offrire cibi che si possono mangiare frequentemente.
Però ogni tanto (e solo ogni tanto) secondo me si può fare qualche eccezione e far prevalere
la voglia di "togliersi uno sfizio" alla scelta di cibi più salutari.
Anche in queso caso, però, è solo la mia opinione e quindi sindacabilissima ;-)

marcella candido cianchetti ha detto...

che interessante post, indirizi da conservare, penso che molti anni fà d'essere stata al bentivoglio e d'aver pranzato superbamente. bello l'incontro con luca e sabrina, debbonoessere 2 simpaticoni almenoda quello che deduco dal loro blog godurioso,sono belli quest'incontri tra blog anch'io hofatto simili e belle esperienze, non tutti quelli che stanno dietro i blog sonoda scartare certo ilfiuto personale aiuta molto contenta ti sia piaciuto ilmiomacco buona giornata

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie Marcella, ti confermo che sono 2 simpaticoni :-)
Buona serata.
Enrico

Gracianne ha detto...

Qu'est-ce que ça me fait plaisir de voir ces belles photos de la Bologne gourmande. C'est une ville que j'ai beaucoup aimée, en hiver comme en été. Si un jour j'y retourne, j'emporterai tes adresses avec moi.

Lefrancbuveur ha detto...

Donc, Gracianne, tu as été plusieurs fois à Bologne?