Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

25 aprile 2011

Piccoli “casatielli” di riso


Visto che siamo vivendo le feste pasquali, ho voluto preparare un qualcosa che ricordasse uno dei rustici più classici della Pasqua (almeno nella mia famiglia) che è il casatiello.
Siccome però il casatiello è una preparazione complessa, per la realizzazione del quale occorre tempo e voglia, mi sono limitato a fare qualcosa di più semplice e se vogliamo innovativo che però lo ricordi.
Ho pensato allora di preparare degli arancini di riso al forno che ricordano il casatiello per il colore, l’intreccio (incrociato) della pasta, il ripieno e la forma delle sue uova, costituita in qualche modo dall’aspetto ovale dell’arancino.
Ho quindi iniziato ad utilizzare un semplice riso allo zafferano di Navelli, preparato come un classico risotto con fondo di cipollotto fresco e burro e aggiungendo di tanto in tanto del buon brodo di carne.
Cotto il risotto e fatto raffreddare, l’ho mescolato con due uova, del parmigiano reggiano e pecorino romano, dei dadini di provolone e del salame napoletano, ingredienti questi ultimi tuttavia un po’ “più leggeri” di quelli che si utilizzano di solito nel casatiello, come i cosiddetti “cicoli”.


Ho formato quindi degli arancini, li ho adagiati su degli ampi dischetti di pasta sfoglia, “chiudendoli” con delle strisce sempre di pasta sfoglia (incrociate o poste in parallelo) ed infine spennellate con del tuorlo d’uovo. Ho poi infornato il tutto per una mezzoretta circa a 180°C.
Il risultato finale è stato davvero ottimo, gustoso e saporito. E, anche se in ritardo, auguro a tutti una buona pasquetta o, come si dice a Napoli, “una buona fatta Pasqua”.

16 commenti:

Chiara ha detto...

Davvero invitanti questi "simil-casatielli " ! Un saluto , chiara

Marilì di GustoShop ha detto...

Divertenti ! Mi piacciono le "citazioni" in cucina, le rielaborazioni, quando la fantasia prevale su tutti gli ingredienti. Una buona fatta Pasqua anche a te, allora !

Claudia ha detto...

Il casatiello è na bella botta di vita.. mi piace questa tua avriante.. son carinissimi!!! bacioni e buona giornata :-)

Lefrancbuveur ha detto...

@Chiara, @Marilì: grazie! :)

@Claudia: una volta all'anno "se pò fà" :) Grazie!

Daniela ha detto...

Buona Pasqua Enrico, scusami per il ritardo. Molto interessante questa versione del casatiello. Ciao Daniela.

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie Daniela, anche a te, anche se in ritardo...

Rossella ha detto...

Oggi tocca a me farti gli auguri in ritardo e i complimenti per questa rivisitazione del casatiello.

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie Rossella, ricambio gli auguri, anche se in ulteriore ritardo :)
A presto.

Enrico

marcella candido cianchetti ha detto...

ottimarielaborazione da fare anche fuori pasqua, buon w-end

Lefrancbuveur ha detto...

E' vero, Marcella, in pratica sono degli arancini al forno e si possono fare sempre, anche in altri gusti e mille varianti.
Un buon weekend anche a te!

Gio ha detto...

ma che bella versione golosa! approvo! buon we!

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie Gio e buon we anche a te.

Anonimo ha detto...

Secondo me sono buoni in qualsiasi periodo.
ciao
Carlo

Lefrancbuveur ha detto...

Verissimo, Carlo!

Gracianne ha detto...

Je ne connaissais pas cette recette. ca a l'air delicieux. Je vais me pencher sur la question :)

Lefrancbuveur ha detto...

@Gracianne: c'est une recette sicilienne, je crois. Adaptée pa moi :)