Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

18 ottobre 2010

Ancora Bologna...


Ogni tanto raccolgo in un unico post quelle che sono le mie esperienze gastronomiche e di viaggio fatte qualche tempo fa e non necessariamente di recente.
Anche nel caso del post di oggi riordino degli appunti più o meno aggiornati su dei ristoranti di Bologna (e dintorni).
Di alcuni luoghi golosi di Bologna avevo già parlato qui. Questo post è quindi un ideale seguito della piccola guida di Bologna che, leggendo il mio blog, vi starete poco a poco costruendo.
Oggi vi voglio parlare di due locali molto interessanti.
Il primo si chiama Casa Monica (Via San Rocco 16, Tel. 051 522522), un locale che da Piazza Maggiore, percorrendo via Ugo Bassi, dista circa 10-15 minuti a piedi.
Me ne aveva parlato inizialmente lei e poi ne ho sentito parlare più volte su guide e riviste. Quando l’ho effettivamente sperimentato, devo dire che soprattutto il locale è stato all’altezza delle aspettative. Il locale sorge in una ex officina ed è una sorta di loft molto ben arredato, carino e dall’aria trendy. Alle pareti vi sono dei quadri molto sfiziosi, dipinti a quanto sembra proprio dai proprietari, che ricordano la Bologna mangereccia. I piatti, non tradizionali ma ben cucinati, si presentano molto bene e sono buoni, anche se la carta non ne elenca numerosi. Ho apprezzato molto una pasta al ragù di carne sfumato con il Passito di Pantelleria. Questo tra l’altro è stato un esperimento che ho ripetuto più volte nella mia cucina anche con altri ragù e devo dire che quella che ne vien fuori è una salsa molto più “elegante” e ricca di aromaticità, senza per questo che il sugo accusi una maggiore dolcezza.


Ho molto apprezzato anche del prosciutto d’anatra affumicato con indivia e miele (nella foto in basso). Insomma un bel locale che non tutti i bolognesi conoscono e che consiglio vivamente.
.

Un altro bel posto dove andare, ma in cui non sarei mai capitato se non mi ci avessero portato Sara  e Riccardo, è l’enoteca-ristorante “Valsellustra”. E’ un posto che si trova nelle colline imolesi ed è veramente un ristorante che se abitassi a Bologna frequenterei spesso e volentieri, ogni qualvolta ci fosse la necessità di mangiare bene e abbondante, senza troppo badare alla forma.
Qui si degustano in modo particolare piatti di pasta fatta a mano, funghi e tartufi e cacciagione.
La nostra cena è stata ottima e proprio a base di funghi. Mi sono piaciute in particolare delle crêpes tartufo e porcini (oltre a dei ravioli patate e porcini) e un ottimo secondo, un coniglio ai funghi.



Il tutto innaffiato da un ottimo rosso piemontese di cui non ricordo il nome.
Il locale offre tra l’altro anche degustazioni di rum e distillati, sigari cubani e cioccolata, oltre a degustazioni tematiche periodiche.
E poi la piacevole compagnia di Sara e Riccardo non poteva che render perfetta una già preannunciata fantastica serata golosa!

16 commenti:

APRANZOCONBEA ha detto...

ciao Enrico!
grazie per la citazione...e mi fa tanto piacere che Casa Monica sia stato di tuo gradimento!!!

JAJO ha detto...

Appunto il tutto sicuramente! Le tue indicazioni sono sempre preziose :-D
Complimenti, soprattutto la dritta sul passito... :-D
Ciaooo

Sara @ Fiordifrolla ha detto...

Ciao Enrico,

grazie a te per la preziosa compagnia! La prossima volta che passi da Bologna avvisaci che facciamo un'altra uscita molto volentieri ;)

Sara

Riccardo ha detto...

Enrico grande,
appena ho visto le foto mi è tornata in mente la bella serata. Quando torni, si va a cena di nuovo.

P.s. il vino era il Roero Srü di Monchiero Carbone.

Ciao Riccardo.

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie a te Bea per avermi fatto scoprire questo bel locale!

Grazie Jajo! tu che sei un intenditore, hai ben colto una dritta che era ben "nascosta" nel post. Vedrai che ti troverai molto bene nell'usare il passito in quel modo nella tua cucina :)

Lefrancbuveur ha detto...

@Sara e Riccardo: grazie a voi! si organizza di sicuro. Buon Salone del Gusto. Purtroppo per impegni di lavoro non potrò esserci. Salutate tutti.

Ps per Riccardo: grazie della precisazione sul vino, vedrò se lo trovo qui a Roma :)

federica ha detto...

ciao!!! grazie di essere passato nel mio blog!!! stavo giusto organizzando un fine settimana a Bologna...i tuoi consigli saranno preziosissimi!!! Complimenti!

Chiara ha detto...

........andrei a piedi fino a Bologna :-) per piattini come questi !
un saluto , chiara

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie Federica, spero allora che i miei suggerimenti ti siano utili!

Ciao Chiara, grazie della tua visita e a presto ;))

Gracianne ha detto...

Oh la la (comme on dit en francais), si je pouvais je prendrais l'avion pour Bologne tout de suite!

Lefrancbuveur ha detto...

@Gracianne: ;)

Daniela ha detto...

Le tue informazioni sono sempre preziose. Buona serata Daniela.

Luca and Sabrina ha detto...

Enrico, facciamo nostro il suggerimento a proposito del passito e poi, ma lo sai che ancora non siamo andati a mangiare a Casa Monica? Ma l'abbiamo consigliato a parecchie persone, fidandoci del tuo giudizio. Prima o poi ci riusciremo, ma prima ancora vogliamo andare al Valsellustra, anche Luca ne ha sentito parlare benissimo, è pazzesco, ma non ci siamo mai stati! Meno male che ci dai queste dritte! Quel piatto col tris di primi a base di funghi ci ha talmente colpiti che quando torniamo dal Salone del Gusto ci andremo subito!
Un grosso abbraccio e magari ci si vede a Torino1
!
Sabrina&Luca

Lefrancbuveur ha detto...

@Daniela: grazie!

@Luca e Sabrina: poi mi direte di entrambi i locali. Non sarò a Torino per impegni vari, ma comunque spero che ci si riveda presto!
Un bacione.
Enrico

Onde99 ha detto...

La foto della pasta con il ragout, data l'ora, mi ha messo l'acquolina in bocca... per quanto riguarda il secondo ristorante, Sara in fatto di cibo e scelta dei locali è una garanzia anche per me, mi ha fatto scoprire cibi e posti magnifici!!!

Lefrancbuveur ha detto...

@Onde99: puoi proprio ben dirlo!