Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

7 settembre 2009

La ricetta degli spaghetti “a strati”

Ancora un post interlocutorio prima di parlarvi delle mie vacanze estive.
Il post di oggi riguarda una ricetta che si fa da sempre a casa mia, ma di cui non conosco il nome. Si tratta di un primo di origini siciliane (credo) che in pratica è una pasta al forno cotta con poca acqua, grazie anche a quella fornita dai pomodori presenti nella ricetta.
Più precisamente e andando con ordine, si pone in un tegame da forno dell’olio e sopra di esso, a coprire tutta la superficie, si adagiano dei San Marzano tagliati nel senso della lunghezza.
Nello strato successivo si pongono degli spaghetti crudi spezzettati e si mette sopra dell’olio, del sale, dell’origano, del basilico e dell’aglio a pezzetti.
Si continua poi di nuovo con uno strato di San Marzano e si procede alternando sempre gli stessi strati fino alla fine. Nell’ultimo strato si pongono di nuovo i pomodori a coprire il tutto.
Si versa successivamente su un lato del tegame un bicchiere d’acqua e si fa cuocere sul fuoco, coprendo il tegame, per dieci minuti. La cottura termina poi in forno dopo altri dieci minuti.
Il piatto che ne viene fuori è morbido, mediterraneo, ottimo. E’ molto buona anche la crosticina che si forma nella parte bassa dello “sformato” ed è sfiziosa la croccantezza di alcuni spaghetti in superficie.
Non conoscendo il nome di questa ricetta, qualcuno ha idea di come si chiami esattamente? Avevo poi letto, non so più dove, a proposito di una variante di questa ricetta. Se non ricordo male, si aggiungono anche le acciughe: qualcuno ne sa qualcosa?

23 commenti:

Max ha detto...

Buona, anche senza nome.

JAJO ha detto...

Curiosa, anche senza nome... non l'avevo mai sentita.abolo

lefrancbuveur ha detto...

Vedo che nessuno conosce questa ricetta. Ma è davvero da provare, provatela :)

Agave ha detto...

Sembra molto buona, da provare. Io non conoscevo questa ricetta, adesso sono molto curiosa!
Evelin

Elisakitty's Kitchen ha detto...

MMH! Mai sentita Enrico...
Anzi sono estremamente curiosa adesso di saperne di più.
Conoscevo qualcosa di simile con gli ziti e non con gli spaghetti in effetti. Davvero interessante.
Baci

salsadisapa ha detto...

neanch'io conoscevo questo piatto, molto interessante!

miciapallina ha detto...

Il nome non lo conosco davvero!
Ma la ricetta te la copio di sicuro!!!!
Ho già la salivazione accentuata... sarà l'ora o la ricetta che già sento sulla lingua?

nasinasi golosissimi (e a dieta)

fedeccino ha detto...

Buona, sisi', e sconosciuta anche per me.
Complimenti a chi ha affettato il San Marzano cosi' sottile, urge un confronto sull'argomento "coltello efficace ma che non ti rovini a comprarlo".

apranzoconbea ha detto...

ciao Enrico, grazie per la visita e la traccia. Ho scoperto così il tuo blog dove ci sono cose proprio particolari. La ricetta degli spaghetti a strati mi sembra buonissima e potrebbe anche soddisfare gli amanti della pasta corta e degli spaghetti...a modo suo mette tutti d'accordo. E poi le cose a strati mi piacciono parecchio!
a risentirci
apranzoconbea

lefrancbuveur ha detto...

@Evelin: i miei mi dicono che è una ricetta forse di origini messinesi...chissà se tramite qualche tuo amico tu possa saperne di più.

@Elisa: Grazie!indagheremo...anch'io ho sentito da più di una persona di una ricetta analoga con gli ziti. Un saluto!

@salsa di sapa: Grazie!

@miciapallina: saranno tutte e due le cose :))

lefrancbuveur ha detto...

@Fede: chi ha affettato il san Marzano è la mia mamma :)

@Bea: ti ho scritto sul tuo blog, grazie! à bientot! Enrico

Federica ha detto...

ciao!! davvero particolare e interessante!! da provare quanto prima!

Anna Righeblu ha detto...

Sono curiosa anch'io... dev'essere buonissima e sembra semplice ma saporitissima!!!
Uno di questi giorni la provo!
Ciao, a presto

lefrancbuveur ha detto...

Per Anna e Federica: Grazie, a presto!
Enrico

fedeccino ha detto...

Ciao Enrico, ti porto i saluti di Marie-Henriette. Puoi leggere l'intero messaggio in un commento che ha lasciato al mio ultimo post.
A presto
fede

lefrancbuveur ha detto...

L'ho letto, grazie del messaggio.
A presto.
Enrico

marcella candido cianchetti ha detto...

bellissime foto ottima ricetta e naturalmente tu ti sei messo a dieta buona giornata

Gustorante ha detto...

Che ricetta interessante!! se hai altre idee, novità dai una occhiata al nuovo sito "gustorante" e condivide le tue creazioni innovative!!!

lefrancbuveur ha detto...

@Marcella: come fai a saperlo? ;)

nishanga ha detto...

Hallo!
Una ricetta molto simile è quella che in Puglia chiamiamo alla pizzaiola e che differisce dalla tua perchè si fa con i bucatini a cui si dà pero una brevissima cottura; per il resto paro-paro.
Da noi, quando facaldo è un must, veramente leggero e saporito.
Ciao, è la prima volta che capito quì, mi faccio un giro.

lefrancbuveur ha detto...

Grazie della visita. Mi fa piacere che esista una ricetta simile e che si riesca finalmente a trovare un nome. A presto.
E.

pammiloo ha detto...

Ciao Enrico, questa ricetta la conosco molto bene, è uno dei piatti forti di mia nonna che ha origini pugliesi, come questo piatto.
Lei lo chiama spaghetti alla zi' Bartoluccio ed è ormai un classico della nostra tavola d'estate. Lei però aggiunge uno strato di pecorino grattugiato prima di infornare. Una vera delizia! Ah dimenticavo inforna gli spaghetti dopo averli scolati a metà cottura

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie della visita anche a te! L'idea del pecorino è ottima; comunque credimi, non c'è bisogno di metterli in acqua bollente.
A presto.

Enrico