Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

5 febbraio 2017

Le novità 2017 per (ri)scoprire la Francia


Ogni anno, più o meno in questo periodo, l'Ufficio del turismo francese in Italia organizza un evento di presentazione delle novità che nei dodici mesi a seguire ci saranno nel bel territorio transalpino.
Un evento che seguo sempre con grande interesse, in quanto vi sono tante manifestazioni, spunti, occasioni e "scuse" per visitare la mia amata Francia.


Orbene, cosa ci riserverà questo 2017 in salsa francese? Beh, diciamo che vi sono almeno 17 ragioni, come sottolinea la brochure distribuita alla stampa, per andare in Francia nell'anno in corso. Ma in realtà ve ne sono molte, molte di più.
Vi sintetizzo quelle che a mio avviso sono le più sfiziose e interessanti, che non coincidono necessariamente con quelle culturalmente più "impegnate".


Partiamo dalla capitale, Parigi, che anche nel 2017 offre al visitatore tantissimi motivi per tornarci. Basti ricordare le tante celebrazioni associate a numerosi anniversari. Ad esempio: si festeggiano i 25 anni di Disneyland Paris e i 40 anni del Centre George Pompidou. Nell'anno in corso si ricordano anche i 30 anni dalla morte di Dalida e i 100 da quella di Rodin. Al quai Branly, poi, c'è anche una interessante mostra sul Picasso primitivo...
Spostandoci verso la Loira, vi segnalo che al Domaine de Chambord i giardini alla francese, voluti tre secoli fa da Luigi XIV, riprenderanno il loro spazio il 1° aprile 2017 davanti alle facciate Nord ed Est del castello. Con una superficie di sei ettari, questi giardini restituiranno a Chambord uno scenario paesaggistico degno della sua architettura (per informazioni: www.valdeloire-france.it).


Sempre a proposito di giardini, in Costa Azzurra e nel Var si terrà il 1° Festival dei Giardini, sul tema “Il risveglio dei sensi” con la possibilità di scoprire tutto l’anno più di sessanta spazi aperti al pubblico (più info su www.cotedazur-tourisme.com).
Nel 2017 è d’obbligo visitare la nuova regione dell'Occitanie (nata dall’unione delle regioni Languedoc Roussillon e Midi Pyrénées) con città importanti da vedere come Tolosa (da non perdere la Cité de l’Espace, che in ottobre darà l’opportunità di incontrare di persona cento astronauti provenienti da tutto il mondo) e Montpellier (imperdibile il marché du Lez) e con Lourdes e i Pirenei a fare costantemente da attrazione.
Sempre in questa regione, merita di essere visitata Carcassonne, città medievale d’arte e di storia con le sue fortificazioni e il bellissimo Canal du Midi che risale all’epoca del Re Sole. Qui da non perdere è anche il suo famoso festival, che si tiene in luglio nel teatro antico nella città medievale. In passato ha accolto star del calibro di Elton John, Joe Cocker, Sting ed è un palcoscenico ideale per danza classica, teatro, opera e musica di ogni genere.
E poi a Carcassonne ci sono tre chef stellati e un elevato numero di ristoranti gourmet, oltre che un interessante mercato, la “Bastide de Saint Louis”, che garantisce un’esperienza gastronomica indimenticabile.
Un'idea per i ponti del 25 aprile e del 1 maggio può essere poi Nîmes, definita “la Roma francese”, che offre la possibilità di assistere, nella sua Arena, ai Grandi Giochi Romani (emozionanti corse con i carri, combattimenti tra gladiatori e una spettacolare battaglia tra Celti e Romani).
Tra le novità francesi 2017 vi consiglio anche Marsiglia, che offre mostre sui viaggi e sul mare e, tra i tanti eventi sportivi, una attesa tappa del Tour de France che si terrà il 22 luglio prossimo. Inoltre non lontano da Marsiglia c'è Aix en Provence, cittadina termale e d’arte che è accogliente in ogni stagione, con le sue strade e piazze sempre animate, con i colori dei suoi festival, i mercati provenzali, le prelibatezze e le passeggiate nella natura. La stessa natura, con i suoi colori, che ispirò Cézanne, padre della pittura moderna.
Per gli amanti del food, Lyon proporrà un nuovo grandioso spazio sul mondo del gusto e del cibo nelle architetture restaurate dello storico Grand Hotel-Dieu, antico ospedale sulle rive del Rodano.



Nel periodo di carnevale in cui ci troviamo attualmente è d'obbligo segnalare il mitico carnevale di Nizza. L'appuntamento è dal 10 al 25 febbraio.
Sempre nell'ambito del programma del Carnevale di Nizza, Villefranche sur mer accoglie tra una decina di giorni la tradizionale battaglia dei fiori sul mare, con una sfilata di barchette tipiche della zona nella baia di questa graziosa cittadina della Costa Azzurra (maggiori informazioni al sito www.coeur-riviera.com).
Di motivi per andare in Francia ve ne sono quindi tantissimi e molti altri ne potrete trovare sul sito dell'Ufficio del turismo francese. Non ci resta che scegliere e prenotare. Io lo sto già facendo. E voi?

Per ulteriori informazioni: www.france.fr

2 commenti:

Chiara Giglio ha detto...

manco da tanti anni dalla Francia e mi piacerebbe ritornare,grazie per le preziose info !

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie a te, Chiara