Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

11 marzo 2014

Il mio morbido cake piemontese

 
Sono attualmente in una fase in cui la mia cucina spazia tra piatti speziati indiani, piatti della tradizione italiana e cake salati. Che connessione abbiano tra di loro questi tre filoni non lo so nemmeno io, ma non importa perché gli spunti e gli input che un foodblogger riceve sono continui e provengono da mille direzioni, senza necessariamente avere un filo logico e coerente.
A proposito del terzo filone (non filoncino, eh…. ;) vicino al mio ufficio c’è un locale che prepara dei cake salati molto buoni. Mi è venuto allora “lo sfizio” di prepararli per la prima volta in casa, visto che sono davvero morbidi, gustosi e ci si può davvero sbizzarrire sugli ingredienti con cui arricchirli.
Naturalmente per la base del cake vi sono degli ingredienti che si utilizzano sempre e che sono i seguenti:

3 uova
sale e pepe
4 cucchiai di olio extravergine
10 cl di latte
200 gr di farina
una bustina di lievito per preparazioni salate

A queste materie prime di base questa volta ho aggiunto, per caratterizzare il mio cake, dei prodotti decisamente piemontesi: la mitica Nocciola del Piemonte Igp e la Toma piemontese Dop.
Ne è venuto fuori un prodotto molto interessante, caratterizzato da diverse consistenze e veramente soffice e gustoso.
 
 
La ricetta è molto semplice e facile da eseguire. Non bisogna certo cercarne di difficili quando il risultato finale è ottimo. Quest’ultima è la cosa essenziale. Poi capita anche che per cercare di replicare un piatto buonissimo la ricetta per farlo può essere complicata e allora si eseguiranno ricette complicate.
Ma torniamo alla nostra, di ricetta:
Agli ingredienti di cui sopra bisogna quindi aggiungere: un piccolo sacchetto di Nocciole del Piemonte (o altre di qualità come quelle di Giffoni) tritate grossolanamente e 100 grammi circa di Toma Piemontese.
Mescolare tutti gli ingredienti ad esclusione della farina e del lievito. Quest’ultimo va aggiunto alla fine insieme alla farina, dopo averlo setacciato con un colino. Mescolare quindi bene tutti gli ingredienti e porre l’impasto in un apposito stampo da plum cake rivestito di carta da forno.
Mettere il tutto in forno preriscaldato e fare cuocere per circa mezz’ora (non aprire il forno durante la cottura ma solo alla fine) o comunque finché, inserendo uno stecchino nella preparazione, quest’ultimo non ne esce asciutto.
Sbizzarritevi con altri cake golosi pensando ad abbinamenti originali o più consueti. Io in passato ne ho preparati alcuni ottimi con ad esempio peperoni ed emmenthal o, più di recente, uno buonissimo con pomodori secchi, capperi e origano (nella foto che segue).
 
 
In questo modo il vostro aperitivo risulterà più stuzzicante ma forse anche la vostra prima colazione se, come me, mangiate i cake salati la mattina appena alzati!....

8 commenti:

daniela64 ha detto...

Delizioso il cake salato, perfetto per l'aperitivo, e magari anche per la colazione . Buona giornata Daniela.

Gracianne ha detto...

je suis pour les cakes sales au petit dejeuner. Celui ci a l'air vraiment tres moelleux.

Lefrancbuveur ha detto...

@Daniela: anche a te ;)

Lefrancbuveur ha detto...

@Gracianne: je suis content, je pensais d'etre le seul ;)

Serena ha detto...

E'un po' che non faccio cake salati, la sostituzione del classico emmenthaler con la toma e il tocco croccante delle nocciole rendon ola tua versione molto affascinante.

Yrma ha detto...

Io invece da eterna golosa di dolci...Non ho mai fatto colazione se no in Portogallo con salati!(ammetto una colazione al bacalhau :D), questo cake potrebbe....farmi fare il bis ;) Un bisous!!!

Lefrancbuveur ha detto...

@Serena: in effetti volevo fare qualcosa di meno banale ed ho pensato a questo cake. Sei stata al Taste?

Lefrancbuveur ha detto...

@Yrma: ed io anche ammetto di aver fatto una volta in Germania una prima colazione con aringa e ketchup... ;)