Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

19 ottobre 2012

Un viaggio nelle meraviglie enogastronomiche toscane


Qualche sera fa si è tenuta nel bellissimo contesto del Grand Hotel St. Regis di Roma una bella serata dedicata alla cucina toscana, un evento che fa parte del progetto gastronomico “Per tutti i gusti”, coordinato da Carlo Vischi.
Ad inizio serata i tanti foodblogger e giornalisti invitati hanno appreso tutti i segreti per la realizzazione perfetta di alcuni piatti tipici di questa gustosa cucina, quali la ribollita e la panzanella (noto piatto quest’ultimo preparato con la mollica di pane, detta in dialetto “midolla”, pomodori ed altre verdure).

 
 
 
Piatti che sono stati sapientemente eseguiti allo chef fiorentino Luca Cai dell’osteria-tripperia “Il Magazzino” (Piazza della Passera, tel. 055 215969), che sarà per me un posto da non perdere la prossima volta che andrò a Firenze.
 
 
E’ stato poi il turno delle presentazioni di altri importanti prodotti di qualità presenti nei piatti che hanno allietato la serata, come l’olio extravergine biologico e biodinamico della Fattoria La Maliosa e come la pasta fatta esclusivamente con grano toscano, che si può fregiare anche del marchio regionale Agriqualità.

 
 
Ma come non citare i buonissimi formaggi ovini del Caseificio Marovelli?
In seguito presso il Ristorante Vivendo dello stesso hotel si è tenuta anche la vera propria cena a base di piatti tipici toscani, tutti ben accompagnati dai vini della Tenuta Guado al Tasso di Antinori una famiglia che si dedica alla produzione vinicola da più di seicento anni, attraverso 26 generazioni che hanno sempre gestito direttamente questa attività, nel rispetto per le tradizioni e per il territorio.
Il menu, a cura dell’Executive Chef Francesco Donatelli, ha previsto le seguenti portate:  


zuppa di ceci farro e patate, pappa col pomodoro e ribollita: classici piatti toscani realizzati davvero in modo impeccabile!

Poi sono seguiti i due piatti che ho più apprezzato nella serata:


tagliatelle al ragù di lepre e porcini

tagliatina di manzo su carpaccio di zucchine e pecorino di Pienza gratinato con cipolle al sale e riduzione al Chianti

 
 
che ben si potevano abbinare all’ottimo Bruciato 2010 un rosso molto robusto, che “reggeva” molto bene i sapori decisi di questi piatti.
 
Per concludere in bellezza (e dolcezza):

zuccotto toscano con cantucci senesi e zabaione 
 
 
 
Una bella serata insomma, vivacizzata anche da nuove conoscenze oltre che da piacevoli chiacchierate con amici, che ci ricorda sempre che le cucine regionali italiane sono tante e tutte tanto, troppo buone!
Il menu toscano, con degustazione abbinata, proseguirà fino al 17 novembre 2012. Per informazioni e prenotazioni:

Ristorante Vivendo 
Tel. 06 47092736

7 commenti:

Yrma ha detto...

Che diavolo tentatore Enrì!!!!io casco sul dolce, come sempre (inguaribile golosa!!!!!)m quella tagliata è eccezionale!!!!!Uhmmm sempre in giro eh??????:DDD
PS te la farò pagare a "sangue" (una bistecchina, s'intende!:D) la battuta sulle bionde:DDD

Chiara Giglio ha detto...

si vede dalle foto che la serata è stata molto piacevole, fortunato! Buona settimana..

Lefrancbuveur ha detto...

@Yrma: te l'ho sempre detto che ti devi trasferire a Roma ;) per la battuta sulle bionde, accetto la bistecchina al sangue ;))

@Chiara: proprio così! Grazie, anche a te.

Daniela ha detto...

Una bellssima esperienza con dei piatti favolosi. Buona giornata Daniela.

Lefrancbuveur ha detto...

Senz'altro sì, Daniela!

Gracianne ha detto...

Quelle envie tu me donnes de retourner en Toscane!

Lefrancbuveur ha detto...

@Gracianne: eh, la Toscane... :)