Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

8 ottobre 2012

Cinquanta sfumature di…marrone


 
Qualche post fa avevo promesso che avrei provato a rifare, magari rivisitandola, una ricetta che mi era piaciuta molto allo scorso Taste of Roma e cioè quella di Luciano Monosilio del Pipero al Rex, presentata all’evento Brunelli di quella manifestazione.
L’idea del bravo chef era quella di combinare un prodotto di questo periodo, le castagne, con del Pecorino Romano (ottimo quello Brunelli
) e delle acciughe. Con il dolce della castagna, quindi, che ben si combinava con il sapore più forte del pecorino e delle acciughe (che comunque in questa ricetta sono soltanto pressoché a guarnizione del piatto).
Ho rivisitato un po’, pertanto, questa ricetta in quanto non ho preparato dei ravioli di patate e castagne come ha fatto lo chef di cui sopra, ma un bel risotto.
Ecco il procedimento:
Con della crema di castagne (fatta con delle castagne di Cuneo lessate e passate al passaverdura o al mixer) ho preparato una salsina fatta in questo modo: ho messo in una padella dell’olio extravergine e ci ho rosolato dentro uno spicchio d’aglio tagliato a pezzetti. Ho poi aggiunto la crema di castagne e fatto insaporire, aggiungendo anche dell’acqua per rendere più fluida la salsa. Ho fatto ben amalgamare, aggiustando di sale e pepe ed aggiungendo poca noce moscata.
A fine cottura (dopo 5-10 minuti) ne è venuta fuori una crema dal sapore non troppo dolce, equilibrato e molto gustosa.
Nel frattempo in una casseruola, ho messo del burro, dell’olio extravergine, dell’aglio a pezzetti, poco rosmarino, poca crema di castagne ed un’acciughina del Cantabrico (le trovate da Eataly). Ho fatto insaporire e sciogliere il tutto e poi ho aggiunto il riso per la tostatura. Dopo la tostatura, ho cotto il riso come un normale risotto, aggiungendo di tanto in tanto del brodo vegetale e delle cucchiaiate di crema di castagne.


Arrivato a cottura (al dente), ho mantecato con poco burro e Pecorino Romano ed ho impiattato, mettendo on the top del risotto qualche acciuga del Cantabrico tagliata a pezzetti e una bella spolverizzata del suddetto Pecorino Romano.
Un risottino autunnale dalle diverse sfumature di marrone! ;-))

12 commenti:

Chiara Giglio ha detto...

interessante questo risotto !

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie mille, Chiara!

Daniela ha detto...

Questa riceta ispira anche me, segno la ricetta e la provo presto. Un piatto originale e raffinato. Buona giornata Daniela.

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie mille, Daniela!

Yrma ha detto...

Uhmmmmmmmmmmmmmmm, ah però.....anche tu con le 50 sfumatura, eh????dirò che le tue le trovo moooooolto piu interessanti!!!:DDD adoro le castagne e mi intriga da matti un risotto concepito ad hoc come sempre nel tuo blog;-) Un bisous;-)

Lefrancbuveur ha detto...

@Yrma: 50 sfumature, ma solo quelle dei miei piatti... ;) grazie mille!

Serena ha detto...

Acciughe e castagne è un abbinamento sorprendente, non ci avrei mai pensato!

Lefrancbuveur ha detto...

@Serena: sai che pensavo anche io la stessa cosa prima di provare l'accostamento nell'ambito di quell'evento?

Gracianne ha detto...

Interessante recette d'automne, reconfortante aussi.
Bonne fin de semaine.

Lefrancbuveur ha detto...

Merci Gracianne, bon weekend à toi aussi! ;)

choupette88 ha detto...

je ne comprends pas mais ta photo de la recette me donne faim !
Je peux te demander un petit vote, un seul, pour la recette de papoune inventée...le lien sur mon blog et la recette s'appelle "tartine fenouil, tomate et émincé de thon". Un grand merci pour lui et bonne soirée à toi. Bisous

Lefrancbuveur ha detto...

@Choupette88: merci, je vais regarder