Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

3 settembre 2012

Cosa può nascere dalla “polvere” di menta



Quando si torna dalle vacanze è quasi un classico trovare le piante aromatiche sul balcone piuttosto boccheggianti e tremendamente bisognose di acqua. Naturalmente anche quest’anno ho trovato le piantine in questo stato, ma la mia menta era appena secca e ben verde, non quindi del tutto bruciata dal sole.
Sbriciolando i rametti di menta, pertanto, ho ottenuto della piacevole e profumatissima “polvere” di menta, che ora conservo gelosamente in un vasetto.
Come utilizzare questa polvere? Ad esempio nel piatto che vi presento oggi. In esso la polvere di menta non è certo la protagonista principale, ma gli conferisce senza dubbio un tocco di classe non indifferente.
I piatti da rientro dalle vacanze di solito sono veloci e semplici, ma pieni di gusto e quello di oggi ne è una conferma.
Avevo a casa un bel mazzetto di peperoncini freschi dal fascinoso colore, giallo, rosso e verde (quasi un bouquet di fiori, oserei dire) e quindi nel fondo di cottura della salsa (in una capiente padella) ho messo innanzitutto insieme a dell’aglio e dell’olio extravergine delle rondelline di peperoncino dai tre (ricordati) colori.
 
 
 
 
 Ho aggiunto poi poco pomodorino ciliegino a dadini e dello sgombro fresco sfilettato a cubetti. Lo sgombro deve essere quindi preferibilmente fresco, ma alle brutte va bene anche quello (buono) in scatola al naturale. Ho inserito poi poca polvere di menta e fatto cuocere brevemente.
Nel frattempo ho cotto al dente dei bucatini che ho finito di cuocere nella padella di cui sopra, con dell’acqua di cottura e pochi pistilli di zafferano.
Ho impiattato cospargendo di Pecorino Romano e guarnendo ancora con una spruzzatina di polvere di menta, con cui tutto era iniziato...

19 commenti:

Yrma ha detto...

Uhmmmmmm anche le mie piantine sono ormai secche ma...per la pioggia!!!Qui sul Garda si è sentito poco il caldo anomalo che ha colpito il resto d'Italia (ha naturalmente fatto caldo ma non poi tanto ;-)) La mia menta fa foglie piccolissime e poco profumate ormai...ma la tua idea mi stuzzica parecchio!!!!!Cosi come l'incontro dei gusti che accompagnano il tuo piatto...Ne resta una forchettata per me??Suvvia...la mia menta è "andata"!!!;-))
PS bentornato!

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie Yrma e bentornata anche a te. Certo che c'è una forchettata per te...anche due o quante ne vuoi ;))

Claudia ha detto...

Noi avevamo una paura rientrati dalle ferie.. ma per fortuna il sistema di irrigazione automatico non ci ha delusi.. e tutte le nostre piante erano in statod ecente! e la nostra piantina di menta.. con i suoi fuori.. è cresciuta semrpe più! ottima la tua proposta di oggi.. buona giornata .-)

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie Claudia e bello il tuo nuovo "logo" :)

Carmine Volpe ha detto...

invidio molta questa capacità di fare un gran bel piatto di pasta abbinando ingredienti che non avrei saputo fare

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie Carmine!

Serena ha detto...

:-( Io le mie piantine al rientro le ho trovate stramazzate... spero proprio di potermene procurare di nuove e realizzare qualche altro piatto profumato, come il tuo!

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie Serena. La menta si è un pò salvata, ma la salvia era fortemente compromessa. Meno male che ora sta facendo delle nuove foglioline ;)

marifra79 ha detto...

Purtroppo la mia menta non e' messa benissimo. Ricavare della polvere dalle foglie secche e' un'idea molto utile!! Ottimo piatto un abbraccio

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie anche a te, Marifra!

Gracianne ha detto...

Ca a l'air absolument delicieux. Je n'ai jamais utilise de menthe dans les pates, il faut que j'essaie.

Lefrancbuveur ha detto...

@Gracianne: et puis, fais-moi savoir

Lefrancbuveur ha detto...

Riporto il commento di Bea del blog http://apranzoconbea.blogspot.it/ che non è riuscita a postarlo sul mio blog:

“anche io ho fatto una cosa simile alla polvere di menta: tornata dalle vacanze ho trovato i fiori del basilico che avevo tagliato coi semi prima di partire. erano secchi e ne ho polverizzati un po' e condito una caprese a base però di tumma (tipico formaggio pantesco) e pomodori. good idea!”

Lefrancbuveur ha detto...

@Bea: buona la tumma ma purtroppo qui a Roma non ve ne sono tracce.
Anzi, chi fosse di Roma e sa dove trovarla, può cortesemente segnalarmelo? Grazie!

Daniela ha detto...

Le mie piantine si sono conservate bene, solo la maggiorana ha qualche problema. Deliziosa la tua pasta. Buon pomeriggio Daniela.

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie mille, Daniela. Vorrei comprarmi anche io una piantina di maggiorana.

Rosa Forino ha detto...

ciao ti ho trovato per caso e il tuo blog mi ha subito colpito, ho già scoperto qualche ricettina che proverò sicuramente:-) così da oggi hai una fans in più se ti va vienimi a trovare ciao rosa.kreattiva

Rosa Forino ha detto...

ciao ti ho trovato per caso e il tuo blog mi ha subito colpito, ho già scoperto qualche ricettina che proverò sicuramente:-) così da oggi hai una fans in più se ti va vienimi a trovare ciao rosa.kreattiva

Lefrancbuveur ha detto...

Ciao Rosa, grazie. Benvenuta e ti verrò certamente a trovare!