Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

19 luglio 2011

Il Tour de France e il Giro d’Italia dei vini


E’ passato esattamente un anno da quella bella serata organizzata sulla terrazza della Città del Gusto del Gambero Rosso e dedicata ad un gemellaggio enogastronomico tra il nostro paese e la Francia, che in questo periodo celebra la sua festa nazionale del 14 luglio.


Una bellissima serata quindi (il resoconto lo trovate qui) ma quella di quest’anno, se possibile, è stata anche migliore. Migliore grazie alla maggiore qualità del cibo offerto, migliore per il livello dei vini in degustazione, migliore per l’ottima compagnia con la quale ho trascorso la serata.
I cibi francesi presenti erano di un livello qualitativo davvero elevato.


Voglio proprio elencarveli uno ad uno:

• formaggi (Comté, Roquefort, Camembert)
• patè e terrine (di Champagne, di foie)
• tartare di manzo
• burro di Normandia e salmone affumicato
• ostriche Belon

Qualche commento sparso:

• il Camembert, quello buono, è di un altro pianeta rispetto a quelli più commerciali;
• il burro di Normandia (dal colore giallo quasi carico) è uno dei più buoni “burri” che abbia mai assaggiato;
• le ostriche Belon sanno proprio di mare e di oceano e mi riportano per l’ennesima volta in Bretagna!

I prodotti italiani in degustazione a mio avviso erano meno in grado di reggere il confronto con i cibi francesi ma:

• la ricotta di pecora e bottarga era indimenticabile;
• i piccoli arancini erano sempre perfetti;
• l’orzo con crudo di gamberi rossi, zucchine e zenzero un finger food davvero originale e da ripetere presto.

E passiamo ai sontuosi vini e Champagne in degustazione: devo dire che le produzioni italiane non hanno per nulla sfigurato, ma i vini francesi, continuo a sostenerlo, hanno un’eleganza ed uno charme in più che fa la differenza.
Fantastici gli Champagne Moët & Chandon Grand Vintage del 2002, sia il Rosé che quello normale, ma anche a mio avviso il vino bianco della Languedoc Domaines Paul Mas,Vigne de Cré Ricard. Ma come rinunciare agli ottimi Bordeaux degustati?


Tra i vini italiani degni di citazione sono il Franciacorta Ferghettina Seminario Extra brut '04 e il Primitivo di Manduria Racemi Giravolta.
Nel corso della serata ho avuto modo anche di conoscere una simpatica, giovane neo-blogger, Agnese, con la quale è stato piacevole parlare di specialità marchigiane, di buoni vini e di luoghi interessanti da visitare.
Ancora un grazie agli organizzatori per la bella serata, arricchita dall’estrema competenza e simpatia di Marco Sabellico che ha ben condotto insieme a Thierry Dessauve l’elegante sessione dedicata alla degustazione parallela di vini italiani e francesi.


Un autentico Tour de France e Giro d’Italia tra i vini più buoni che questi paesi possono esprimere!

13 commenti:

Kitty's Kitchen ha detto...

insomma ecco come trattarsi male! :))

Deve essere stato un incontro interessantissimo

Alem ha detto...

volevo andarci anche io... :(:(

Lefrancbuveur ha detto...

@Elisa: lo era!

@Alessia: speriamo almeno di rivederci presto.

Agnese ha detto...

oh! sono stata nominata! ;-) grazie! spero di riuscire presto anch'io a fare il resoconto della serata! ps:grazie della serata di ieri, è stata molto divertente.

Lefrancbuveur ha detto...

@Agnese: di niente, sempre piacevole la vostra compagnia :)
Ps ti ho inviato una mail

Daniela ha detto...

Dev'essere stata una bellissima esperienza. Buona settimana Daniela.

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie Daniela!

Claudia ha detto...

Chissà che bella esperienza.... Ottime anche le casarecce pubblicate più sotto.. buona giornata :-D

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie Claudia! Quando vai in ferie?

nerodiseppiablog ha detto...

Che spettacolo per il palato che dev'essere stato! Invidissima!!! :)

Lefrancbuveur ha detto...

...o indivissima ;-)))

Gracianne ha detto...

Ah ah, je croyais d'apres le titre que tu allais parler de cyclisme, mais c'est d'un autre genre de sport qu'il s'agit!

Lefrancbuveur ha detto...

@Gracianne: oui, c'est vrai :) J'aurais bien voulu parler de Tour de France cycliste. J'y voulais aller, mais de differents problèmes me l'ont empeché, comme la grève des trains italiens...