Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

26 marzo 2011

Scrambled topinamburs


Adoro i topinambur. Il loro gusto, che assomiglia un pò a quello dei carciofi, è veramente particolare. Li ho assaggiati in mille preparazioni per la prima volta in una zona tipica, quella delle Langhe, ed è stato subito amore a prima vista.
Sul mio blog i topinambur sono stati già “censiti” in un’occasione, quando li ho utilizzati per farne un magnifico risotto.
Ora mi ripeto con l’utilizzo di questa ottima materia prima. Tutto è nato da una mia sortita al sempre interessante mercatino bio della Città dell’Altra Economia nel quartiere Testaccio a Roma.
In un banco di ortofrutta ho trovato questi bellissimi topinambur, che aspettavano solo di essere comprati e cucinati. Detto fatto.


Stavolta ho deciso di prepararci una sorta di frittata, ma utilizzando meno uova. Sostanzialmente ho fatto dei topinambur “strapazzati in padella”.

Ecco come sono arrivato a fare questa preparazione:

Sbucciare per bene i topinambur (5-6 tuberi di media grandezza) e lavarli in acqua corrente. Tagliarli successivamente a dadini. In una padella, nel frattempo, far soffriggere dell’aglio in olio extravergine; aggiungere poi i dadini di topinambur e del prezzemolo tritato. Far saltare per bene e cuocere i topinambur fin quando non diventano morbidi. Occorre aggiungere poca acqua ogni tanto in quanto la cottura non è proprio così breve. Aggiustare ovviamente, durante la preparazione, di sale e pepe.
Quello che viene fuori da questo primo step della ricetta è già un ottimo contorno.
Per arrivare invece alla ricetta del post di oggi occorre far raffreddare i topinambur saltati in padella (che si riducono molto durante la cottura) e successivamente porli in una ciotola dove è stato sbattuto un uovo. Ho scelto di utilizzare un solo uovo perché non occorre fare una vera e propria frittata, ma semplicemente delle “uova strapazzate al topinambur”; e quindi, se anche il composto in padella si “slega” un po’, non fa nulla.
All’uovo sbattuto aggiungere poco sale e, come dicevamo, i topinambur; inserire poi del parmigiano grattugiato e del prezzemolo tritato e amalgamare bene.
Riversare il tutto in una padella con dell’olio, mescolando abbastanza frequentemente in modo da ottenere un composto che si rassoda ma non troppo. Il risultato finale è quello che vedete nella foto: ipergustosissimo e tutto sommato veloce.

PS: Segnalo che da ieri le Poste italiane hanno emesso dei francobolli relativi a quattro importanti formaggi italiani, grandi esponenti del Made in Italy agroalimentare: il Parmigiano Reggiano, la Mozzarella di Bufala Campana, il Gorgonzola e il Ragusano, tutti prodotti Dop.


















Anche questo è un modo di unire l’Italia da Nord a Sud. Viva i formaggi italiani!

25 commenti:

marcella candido cianchetti ha detto...

grazie d'avermeli ricordati, cercherò di trovarli, belli ifrancobolli buona domenica

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie e buona domenica anche a te :)

gabriella ha detto...

C'est la première fois que je vois
du topinambour préparé ainsi ;
Une belle frittata en fait.

Dans cette "città delle'altra economia" dans le Testaccio il n'y a que des produits bio ? C'est vraiment
immense.

Lefrancbuveur ha detto...

@Gabriella: presque une frittata: "scrambled eggs with topinambur"; oui, que des produits bio ;-)

Claudia ha detto...

Non li ho mai visti dal vivo nè mangiati.. anche se in molti blog vedo che vengono utilizzati.. Mi piace la tua idea.. baci baci :-)

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie Claudia, devi sopperire presto a questa mancanza ;-)

Gracianne ha detto...

J'aime beaucoup cette idee de les associer a l'oeuf - j'adore ca aussi, mais ma famille est un peu refractaire aux topinambours, dommage.

Lefrancbuveur ha detto...

@Gracianne: dommage vraiement, mais j'espère tu les pourra gouter quelque fois.

nerodiseppiablog ha detto...

Le tue ricette sono sempre super appetitose! Li voglio provare al più presto questi topinambur!

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie e linkerò il tuo blog, veramente ben fatto!

la belle auberge ha detto...

mi stupisce sempre l'irregolarita' con cui vengono distribuiti i prodotti ortofrutticoli sul territorio italiano. Leggo che molti non conoscono (o non trovano) i topinambur, mentre io, in questa stagione, impazzisco per reperire le taccole. Pensa che abito vicinissima a Milano e che questo ortaggio e' tipico del nord Italia, ma niente da fare! il mio ortolano gioielliere dice che non c'e' richiesta (no comment!). E' piu' facile trovare il coriandolo o la frutta tropicale che le umile taccole. Per soddisfare la voglia dovro' macinarmi cento chilometri e salire piu' a nord, a casa di mia madre :))

Molto interessante questa tua strapazzata di topinambur, la terro' presente.
Bellissimi i francobolli.
un caro saluto
eugenia

Lefrancbuveur ha detto...

@Eugenia: Nel caso dei topinambur la cosa dipende dal fatto che forse non tutti li conoscono e li apprezzano e dalla produzione e consumo che avviene tipicamente soltanto in determinate zone come il Piemonte.
Grazie del commento e a presto.

Enrico

lamelannurca ha detto...

due suggestioni interessanti: il topinambur che non conosco e il mercato di testaccio, che ho puntato già da un po'!
buona giornata!

Lefrancbuveur ha detto...

@lamelannurca: felice di esserti stato utile :)

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao Enrico! ci credi che noi i topinambur non li abbiamo mai assaggiati? però qui si utilizzano spesso!
Ottima idea questa firttata, molto originale!
Ma dai..i francobolli con i formaggi? sono bellissimi? ma come si fà per aversi..tocca per forza spedire una lettera?? ;)
un bacione

Lefrancbuveur ha detto...

@M&S: dovete rimediare subito allora. I francobolli potete comprarli, anche senza spedirli, in qualsiasi ufficio postale :)

gh ha detto...

C'est très fin le goût du topinambour. En France, les vieilles personnes disent que ça leur rappelle la guerre.C'est ce que m'a dit une tante à qui je servais un velouté de topinambour aux coques !!!(pas mal avec des palourdes aussi).
Bye.

Lefrancbuveur ha detto...

@Helène: pas à nous :) je crois, au contraire, que c'est une matière première très intéressante avec pas mal d'utilisations :)

Gio ha detto...

buono il topinambur strapazzato :)

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie Gio!

Marilì di GustoShop ha detto...

Ciao Enrico ! Ma lo sai che io non li conosco affatto ? Devo rimediare, lo so, e poi Roma è a un passo, intanto me li godo qui, scrumbled... un abbraccio

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie della visita, Marilì :)

nerodiseppiablog ha detto...

Grazie per il link, per il complimento e per la visita!

nerodiseppiablog ha detto...

Grazie per il link, per il complimento e per la visita!

Lefrancbuveur ha detto...

Di niente, è un piacere :)