Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

17 maggio 2010

Pasta integrale con “tuma”, acciughe e olive nere

L’idea di questa ricetta è nata in una pausa pranzo. Qualche volta nell’ora di break vado a mangiare in un’ottima pasticceria/rosticceria catanese vicino al mio ufficio. E spesso è offerta una pizza rustica fatta con alici, olive nere e “tuma” (formaggio siciliano “primosale”), un classico della regione.
Ho pensato allora di “traslare” questi stessi ingredienti in un buon piatto di pasta. La pasta che ho scelto di abbinare con questi ingredienti è una integrale sia perché secondo me si adatta bene con il pesce, sia perché il suo colore marroncino ricorda le acciughe, sia perché prima d’ora sul blog non avevo mai pubblicato una ricetta con la pasta integrale…
Ho “interpretato” la ricetta in questo modo: ho fatto sciogliere in padella in una quantità sufficiente di olio extravergine alcune acciughe dissalate, insieme a dell’aglio tagliato a pezzettini. Imbiondito l’aglio, ho aggiunto una buona manciata di olive nere ed ho fatto cuocere per pochi minuti.
Nel frattempo avevo messo in acqua bollente NON SALATA delle penne rigate integrali. Poco prima di fine cottura, ho scolato e saltato la pasta nella padella (di cui sopra), insieme ad un paio di cucchiai di acqua di cottura ed ho mantecato per bene (se il composto non dovesse avere il giusto grado di sapidità aggiungere poca colatura di alici). Quando la mantecatura è terminata, fuori fuoco ho aggiunto ed amalgamato dei tocchetti di tuma e dei pezzettini di acciughe interi, per consentire di vedere, oltre che di gustare, le acciughe stesse (quelle aggiunte prima, come si è visto, si erano sciolte).

Ne viene fuori un piatto equilibrato che della Sicilia prende il meglio: il profumo del mare ma anche i sapori provenienti dall’entroterra e dalla tradizione rurale, come quelli delle olive e della tuma...

20 commenti:

Alem ha detto...

Enrico dove l'hai trovata la "tumma" (a Pantelleria si chiama così!)???
E' il formaggio preferito di mia madre!!
Ma era quella morbida morbida???

marcella candido cianchetti ha detto...

inviti a nozze una sicula con una simile goduria vedo bene che hai giustamente specificato primo sale, io qui non posso fare x mancanza di tuma e se non è troppodisturbo te ne fai una porzioncina per me grazie buona giornata

Henriette ha detto...

Coucou Enrico,
Toujours des recettes nouvelles de pâtes! un vrai plaisir pour avoir des idées de repas qui plaisent à tout le monde, grands et petits.
Ici, il fait meilleurs mais ce n'est pas encore la grande chaleur. Il ne pleut plus, c'est déjà ça, on peut sortir pour se promener. Quant à la chaleur, on espère encore...
Bonne semaine et bon courage pour tout,
Poutous.

Federica ha detto...

fantastico questo piatto! nutriente e leggero! complimenti!

Gracianne ha detto...

Franchement, ca doit etre delicieux. Je n'ai jamais essaye les pates integrales, j'avais peur que ce soit un peu lourd.

Max (cucinasms) ha detto...

Una ricetta alla Montalbano.

Lefrancbuveur ha detto...

@Alessia: l'ho trovata ad un super Sma vicino casa. E' un classico primo sale, di quella consistenza.

@Marcella: senz'altro :)) anche qui a Roma la tuma non è facile da trovare.

@Henriette: merci! Ici le temps n'est pas encore beau, meme si aujourd'hui c'était pas mal. Bonne semaine à toi aussi!

Lefrancbuveur ha detto...

@Federica: questa ricetta la vedrei bene anche con i bigoli

@Gracianne: je crois que les pates intégrales ne sont pas trop lourdes

@Max: è vero può sembrare :)

Gunther ha detto...

mentre leggevo la ricetta ne immaginavo il profumo :-))

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie Gunther!

Claudia ha detto...

ehi Enrico ciao come stai??? ho letto ora che sarai presente a Facefood a Matera ci vedremo lì allora ci sarò anche io.
Ma quanti etti di pasta sono ???
caio claudia

Lefrancbuveur ha detto...

Ciao Claudia, purtroppo non potrò più esserci perchè sono stato fuori per lavoro fino a poco fa e non me la sento di rimettermi in viaggio. Quanti etti di pasta? non molti...;-) A presto. E.

Flo Bretzel ha detto...

Oserai-je te demander un pronostic pour le match de ce soir:)

Lefrancbuveur ha detto...

Je crois Bayern, meme si j'espère Inter...

Marlene ha detto...

Sembra buonissima questa pasta! Purtroppo penso sia presoché impossibile trovare il tuma qui a Bruxelles dove sto io. A cosa somiglia il tuma? È possibile sostituirlo con un formaggio simile?

Lefrancbuveur ha detto...

La tuma è un formaggio fresco primosale. Quello penso potrai trovarlo agevolmente :)

Rosario ha detto...

Ciao, abito ad Ostia ed anche io sto cercando disperatamente la tuma, farmela spediere da Monreale è un salasso!!
Sapete se esistano negozi di prodotti tipici a roma sud che la vendano?
Ho già provato con i vari SMA/CONAD/CASTORO ma senza risultato.
Saluti.

Lefrancbuveur ha detto...

@Rosario: E' vero, a Roma è un pò un problema trovarla. Io avevo trovato qualcosa di simile alla SMA di Spinaceto. Può provare lì. Si tratta comunque di qualcosa che è vicino all'originale ma non è l'originale. Qualcosa forse può trovare a Via Collina o da Volpetti a Via Marmorata ma mi rendo conto che non sono punti vendita di Roma Sud...

Rosario ha detto...

@Lefrancbuveur: Vero, alla SMA ho trovato qualcosa di simile al primo sale (quasi secondo) ma nulla di meno 'stagionato'. Vorrà dire che se mi trovo farò un salto da Volpetti. Nel caso dovessi trovarla mi costerebbe sempre meno che farmela spedire dalla Sicilia :-)
Saluti.

Lefrancbuveur ha detto...

Fammi sapere se la trovi, mi interessa conoscere "i luoghi della tuma" a Roma ;)