Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

22 dicembre 2009

Le salsicce amate da Goethe

Ora che siamo a Natale e che fa parecchio freddo “è consentito” degustare queste ottime salsiccette di cui vi parlo oggi.
Le ho mangiate di nuovo recentemente, dopo averle assaggiate varie volte nella città di Norimberga, nella Germania sud-orientale.
 
Lorenz Kirche a Norimberga, sotto la neve
Come ho potuto reperire queste salsicce in Italia? Beh, abbastanza inaspettatamente e non volutamente, recandomi al sempre soprendente supermercato Lidl.
Le ho ovviamente comprate di corsa, anche per sperimentarle in un paio di ricette che tra poco vi descriverò brevemente.
L’esatto nome di queste salsicce è “Nürnberger Bratwürste o Nürnberger Rostbratwürste”; possono essere vendute crude, già scottate in acqua bollente o anche già arrostite. All’interno del budello, la carne di maiale è condita per lo più con spezie varie, ma soprattutto con maggiorana.
Va detto inoltre che a Norimberga la produzione di queste salsicce gode di una lunga tradizione, la cui origine risale al 1400. Si dice che anche Goethe le trovasse gustose e se le faceva spedire….
Quando si è a Norimberga, vale la pena di mangiarle nell'antica rosticceria "Bratwurst-Glöcklein" locale che che era frequentato nell’800 da nobili e persone facoltose.
Quanto ai suoi utilizzi in cucina, io ho preparato queste salsicce in due modi:
- “alla norimberghese” (prima foto in alto): cotte al forno con contorno di patate stufate nella cipolla e servite in modo da formare una bella cremina (sono eccezionali! vorrei scoprire più precisamente come vengono preparate…). Il piatto deve essere ovviamente accompagnato da un bel boccalone di birra bionda.
- “alla lefrancbuveurese” (in pratica mi sono inventato questa ricetta): ho messo in un tegame da forno poco olio extravergine e della cipolla bianca. Ho fatto soffriggere sul fuoco per poco tempo. Ho aggiunto poi le salsicce, del vino bianco e poca marmellata di cipolle rosse di Tropea (comprata la scorsa estate proprio a Tropea). Ho infine messo il tutto in forno fino a cottura delle salsicce, con l’aggiunta di poca acqua. 
 

 Ciò che viene fuori è una salsina densa e saporita, che accompagna molto bene le salsicce. Un piatto molto buono di sapore leggermente dolce, ma che contrasta ottimamente col sapore deciso e speziato delle salsicce.
Provatele se vi capita, esperimento riuscito!

15 commenti:

manuela e silvia ha detto...

Ciao Enrico! mamma che piatto gustoso proponi!!
La versione originale sembra davvero particolare e sicuramente dal sapore ricercato! non ci sembra male neppure la tua versione però: diversa ed originale!
Ne approfittiamo per farti i nostri auguri di Buon Natale!! un bacione

Gracianne ha detto...

Je crois que c'est a la lefrancbuveurese que je les prefere. Il faut que j'aille faire un tour a Lidl moi :)
Passe de bonnes fetes de Noel Enrico. Auguri!

simona ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Antonella ha detto...

Cosa vedono i miei occhi, i Bratwurst! Anche mia madre, assidua frequentatrice di Lidl, li prende lì. Dovrò parlarle della cottura “alla lefrancbuveurese” :)

Buon Natale, a te ed a tuo fratello. Auguri al quadrato :)

Lefrancbuveur ha detto...

@Manu e Silvia: grazie e ricambio con affetto gli auguri di buon Natale.

@Gracianne: merci d'avoir choisi "ma" recette :) Bonnes fetes à toi aussi!

@Antonella: sono contento che tu li conosca.
Augurissimi anche a te e tuo marito. Mangia domani anche per me quella buonissima pizza di scarola che ho visto sul tuo blog e poi confrontiamoci sullo "spaghettone Voiello a vongole" :))

Max ha detto...

Non le ho mai mangiate. Sembrano proprio buone. Magari farò un saltino dal Lidl.

Tanti affettuosi auguri di buone feste e felicissimo e gustosissimo 2010!

Lefrancbuveur ha detto...

Provale, sono proprio buone. Ancora auguri anche a te!

APRANZOCONBEA ha detto...

ciao Lefranc!
allora...giuro che se trovo il tempo necessario (dove necessario significa almeno beviamo un caffè insieme, eh!) mi faccio sentire quando sono a Roma! Passo due giorni dai miei che abitano un po' lontanuccio-Roma Nord ma verrò senz'altro a Roma anche perché devo portare un po' in giro volantini e locandine del concorso gastronomico (chi ha voglia partecipi e dia un'occhiata su www.quantobasta-qb.it) "Ricette delle Nuove Famiglie d'Italia" in qualche posto mirato...anzi, hai qualche dritta da darmi??? grazie e auguri per il momento! ;-)

antonietta ha detto...

Buon Natale!

Lefrancbuveur ha detto...

Ok Bea poi ti invio anche il mio numero di cellulare. Spero che ci possiamo incontrare. Intanto per i volantini direi che potresti distribuirli in zone centrali presso enoteche/birrerie famose come ad esempio l'Open Baladin.
Buon Natale e a presto!

@Antonietta: Augurissimi anche a te!

Henriette ha detto...

Coucou Enrico,
Ton plat m'a l'air succulent, en plus c'est l'heure de manger, j'ai une faim de loup et j'adore les saucisses Tout est, en quelque sorte, réuni!
Je te souhaite un joyeux Noël, plein de bonheur et de douceur...et de te régaler avec tes bons petits plats dont tu as le secret.
Je t'embrasse bien bien fort,
Henriette

Lefrancbuveur ha detto...

Merci beaucoup Henriette! Très joyeux Noel à toi aussi! Ce soir, diner à base de poisson, comme en France je crois, n'est-ce pas?

Carla ha detto...

Buon Natale Enrico!

Sono passata a Roma l'altra settimana, ma non ce l'ho fatta prorpio a chiamarti! Tutto incastrato a pennello e con lo sciopero, il gelo e la neve trovata tra l'umbria e il lazio...una catastrofe di giornata...oggi qui le temperature si sono rialzate! 18/20 gradi! Passiamo da quelle sottozero a quelle primaverili in battibaleno!

Ti faccio i miei più sentiti auguri per un sereno Natale :-)

Carla

Daniela ha detto...

Un piatto davvero gustoso adatto a questo clima freddo.
Buon Natale e Felice 2010.
Daniela e Diocleziano.

Lefrancbuveur ha detto...

Grazie Carla, tanti auguri di cuore anche a te!

@Daniela: grazie Daniela della visita e degli auguri che ricambio. Buonissime feste!