Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

25 settembre 2009

Il vulcano e il mare

L’autunno è arrivato, ma io penso ancora all’estate…
E in estate, durante la mia vacanza tropeana, sono stato anche in gita a Stromboli.
Stromboli è bella anche (soprattutto?) quando ti avvicini pian piano a lei. Da lontano, dal traghetto, la vedi spuntare nella foschia, in mezzo al vento, con la sua estremità più alta che sbuffa fumo grigio.

Man mano che ti avvicini, la vedi sempre più nitida e ti accorgi dell’imponenza e della rudezza del vulcano, un gigante di colore nero-verde.
Il mare intorno all’isola è quasi nero, come la sabbia che caratterizza le sue spiagge. Fare un bagno in questo mare è quasi inquietante, sotto non riesci nemmeno a vedere il fondale, potrebbe esserci qualsiasi cosa, quasi come fare il bagno di notte…
Già, la notte…quando fa buio Stromboli è uno spettacolo: si assiste all’eruzione del vulcano che avviene ad intervalli regolari e che a volte fa scorrere rivoli di lava di color rosso-arancio lungo la montagna fin giù al mare.
Il paesino più popolato dell’isola non è molto grande, ma è carino. E’ pieno di villette e nella zona più centrale è abbellito da piccoli negozietti e boutique molto caratteristiche e tipiche, come di solito accade nelle belle isole.
Una sosta ad una rosticceria mi consente di capire che gli arancini siciliani ottimi che mangio a Roma sono di molto inferiori a quelli assaggiati nella terra di origine.
Ne mangio uno cosiddetto al burro (non è in realtà al burro, ma alla besciamella) che è davvero una delizia!
La gita termina con una visione ravvicinata di Strombolicchio, poco più di uno scoglio, poco lontano dall’isola, che presenta in cima un faro molto suggestivo.
Anche in questo caso la vista ravvicinata tradisce una rudezza non visibile da lontano, quando quel piccolo scoglietto è come un neo carino sul viso di una bella fanciulla…

24 commenti:

Luca and Sabrina ha detto...

Noi ci abbiamo passato un'intera settimana a Stromboli e ce ne siamo innamorati, del vulcano, del mare, dell'intera isola....
Un abbraccio da Sabrina&Luca

JAJO ha detto...

Caro Enrico, dovresti provare l'emozione di arrivare a Stromboli alle 4,30 di mattino (in realtà lo sbarco è alle 5,40): uno spettacolo maestoso, quella montagna più nera del nero della notte con i bagliori in cima e l'aria completamente ferma e calda...... surreale ma fantastico (come lo è girare per l'isola alle 6 di mattina...)

JAJO ha detto...

Dimenticavo: in quella gastronomia (ha aperto da poco tempo, forse un paio d'anni) dovresti provare l'insalata eoliana (che io ho vilmente provato a replicare :-D)

Agave ha detto...

Bellissimo post!
Luoghi davvero suggestivi! Io purtroppo non ci sono mai stata, ma proprio quest'anno degli amici ci hanno raccontato cose meravigliose su Ginostra (Stromboli), un luogo incontaminato, dove per muoversi si usa ancora l'asino.
Evelin

fedeccino ha detto...

Sono d'accordo con Agave, bellissimo post, sembra filtrare piu' intensamente che d'abitudine la tua attrazione - quasi commozione - per questo posto, che pare magico.

manu e silvia ha detto...

Ciao! mamma che spettacolo impressionante!
Gli arancini...non hai idea di quanto saremmo curiose di assaggiarli: l iabbiamo visti...così pieni ed invitanti...ma non abbiamo avuto occasione di provarli!!
Un bacione
PS: allora quando vieni a Padova..ci troviamo per offrirti un buon Prosecco!! ;)

lenny ha detto...

Sono stata in vacanza a Panarea, qualche anno fa ed ho ammirato Stromboli solo da lontano: in ogni caso una grande esperienza emozionale :))

Anonimo ha detto...

Che magia!Stromboli è un luogo straordinario!! Cleo

lefrancbuveur ha detto...

@Luca & Sabrina: in effetti starci una settimana meriterebbe proprio...

@Jajo: me l'hanno detto che a quell'ora è fantastica, dovrò replicare la visita. Qual'è la ricetta precisa dell'insalata eoliana?

@Evelin: grazie! è vero, so che vengono fatte interessanti escursioni anche in asino, un animale che amo tantissimo.

@Fede: è vero, forse in questa occasione traspaiono di più le sensazioni che questo posto magico mi ha trasmesso!

lefrancbuveur ha detto...

@Manu e Silvia: gli arancini siciliani sono un mito. A volte in altri luoghi tentano di imitarli ma non sempre con successo. Con piacere quando verrò a Padova prenderò con voi un bel prosecchino. Un bacione!

@Lenny: anche da lontano Stromboli colpisce molto.

@Cleo: decisamente!

Un saluto a tutti!

JAJO ha detto...

Patate, tonno (quello "VERO"), olive, capperi, cipolla.... lo trovi nel mio blog (lo scorso anno ho provato a rifarla, dopo la vacanza isolana, ma non aveva "lo stesso sapore" ;-D)

lefrancbuveur ha detto...

buono! vado a vedere sul tuo blog...

marcella candido cianchetti ha detto...

bellissima stromboli ti sei mangiato anche granite di mandorle e di gelsi spero di si buon inizio di settimana

Gracianne ha detto...

Ah merci pour la balade. Le Stromboli, j'aimerais le voir au moins une fois dans ma vie.

Gunther ha detto...

bellissima questa immagine da stromboli, si anche io guardavo le vacanze estive e il mare

lefrancbuveur ha detto...

Grazie Marcella. Purtroppo no, non c'è stato il tempo. Ma le ho assaggiate da altre parti in Sicilia :)

@Gracianne: ça vaut vraiement la peine, comme tu peux immaginer. A bientot!

@Gunther: grazie. Ci sei stato anche tu l'estate scorsa?

sweetcook ha detto...

nonostante abbia le isole eolie di fronte, a Stromboli non sono mai stata, purtroppo aggiungerei :(
Che paradiso :)

Ross ha detto...

Noi purtroppo Stromboli l'abbiamo visto solo di ritorno da una crociera, passando con la nave... ma ne ho ricavato una grande impressione, mi piacerebbe passarci una settimana, deve essere fantastico. Delle Eolie uso i capperi di Salina, capperi fantastici, alla pari con quelli di Pantelleria. Belle le foto, mi son molto piaciute, così come il tuo reportage. Ciaooo!

lefrancbuveur ha detto...

@sweetcook: avrai modo di rifarti :)

@Ross: grazie! i capperi siciliani sono ottimi, in primis quelli che citi. Ciao!

Elisakitty's Kitchen ha detto...

Ho dei bellissimi ricordi di un estate alle eolie e il ricordo più vivido che ho di stromboli è la nave che mi ripostava a casa, partiva di notte e allontanandomi vedere gli zampilli di fuoco del vulcano colorare la sommità della montagna in un o spettacolo magico. Davanti a certi fenomeni viene da pensare alla forza della natura e quanto l'uomo nonstante la tecnologia è davvero impotente a tali forze... Ma questo è un altro discorso poco culinario.
Ad ogni modo.. Senti ma a roma dove trovi dei buoni arancini?
Bacioni

Brigitte ha detto...

Merci de ton compliment sur mon blog un peu endormi par l'été qui se prolonge à Nice
Tu me fais découvrir l'Italie voisine, merci

francesca ha detto...

Ho vissuto tre anni in sicilia ma stomboli mi manca, fai venire voglia di andarci!
Ti ho trovato per caso ed ora ti linko.
Ciao Francesca

lefrancbuveur ha detto...

@Elisa: li trovi ad esempio da Dagnino o alla Pasticceria siciliano-svizzera a P.zza Pio XI

De rien, Brigitte, merci à toi!

Ciao Francesca, benvenuta! Non c'è problema per il link. Ora vado a vedere il tuo blog. Ciao Enrico

Elisakitty's Kitchen ha detto...

Grazie per il consiglio!!