Il mare, il buon bere, il mangiare bene e...chi più ne ha, più ne metta

20 novembre 2007

Politically scorrect…issimo

Alla fine di giugno scorso sono stato al confine tra Liguria e Toscana in quella bellissima zona dove si produce il mitico Lardo di Colonnata.
Nell’ambito dei miei soliti acquisti golosi avevo quindi comprato un prodotto della zona che fino a pochi giorni fa non avevo ancora assaggiato. E’ quello che vedete nella foto: si tratta di una crema di lardo di Colonnata!
Non l’avevo ancora assaggiata sia per via della calda stagione estiva sia perché in genere il consumo di lardo, sia pur buono, è veramente “politically scorrect…issimo” e poco gradito in famiglia, in quanto soprattutto “pesante”.
Ora che il clima consente e autorizza di più un simile consumo, ecco che mi sono sbizzarrito nell’utilizzo di questo ottimo prodotto.
La prima cosa che ho preparato è una ricettina molto semplice ma buonissima di origine emiliana:

Pennette alla crema di lardo

Ingredienti:

crema di lardo
aglio (2 spicchi)
poco olio
rametto di rosmarino

Far sciogliere in una padella la crema di lardo cuocendola a fuoco dolce insieme all’olio. Soffriggere poi nella stessa padella per pochi minuti l’aglio e il rosmarino in questo composto.
Nel frattempo cuocere le pennette al dente, metterle nella padella di cui sopra insieme a un paio di cucchiai di acqua di cottura. Far saltare ancora un po’ e impiattare. Cospargere di parmigiano e finire con qualche goccia di aceto balsamico tradizionale.
Ottima, e che profumo!
Il lardo poi sto continuando ad usarlo in questi giorni spalmato su pane bruschettato caldo o come ottima base per soffritti in zuppe e risotti.
E non mi è ancora finito. Suggerimenti su come posso usarlo ancora?

12 commenti:

cuochetta ha detto...

davvero interessante questa crema, io ADORO il lardo!
Chissà che anche in Valle d'Aosta non facciano la stessa cosina con il Lardo d'Arnad!

poi provo a cercarla ad EATALY...

lefrancbuveur ha detto...

ciao! benvenuta sul mio blog! ottimo il lard d'arnad. diverso da quello di colonnata ma altrettanto buono...
ad eataly penso potrai trovarlo anche sotto forma di crema.
a presto
lfb

Viviana ha detto...

è che la tastiera mi sta limitando... non riesco a fare con le lettere il verso di un cagnolino seduto con le zampette su e la linguetta fuoriiii!!! :( mitico!

lefrancbuveur ha detto...

grazie viviana, anche tu sei un mito!
a presto!

fiordisale ha detto...

io un suggerimento lo avrei,
ho bruschettato apposta una fetta di pane per farti vedere, che delle volte a spiegare le cose diventa più lungo.

Cuocapercaso ha detto...

Adoro il lardo...sebbene non sia un cibo quotidiano!! anche io conosco bene quello di Arnard, per la vicinanza alla valle d'aosta!
Pensa che quando siamo stati alla fiera del lardo ad Arnad i commercianti dicevano che il lardo ho proprietà quasi...terapeutiche, perchè essendo "basico" contrasta l'acidità di stomaco! ...un bel rimedio direi...!
io ne spalmerei su dei crostini e poi ci adagerei sopra dei gamberoni grigliati! un tocco di erba cipollina, poco pepe e via!
ciao
Grazia

Marika ha detto...

Sarà anche pesante ma come si fa a dire di no ... magari un pò di parsimonia (anche perché altrimenti finisce subito) ma MAI rinunciare a queste golosità.
Che fame che ho, a quest'ora poi, dopo una settimana di dieta per la febbre ad orari da ospedale ...
Buon fine settimana!
Marika

lefrancbuveur ha detto...

per fiordisale: ma qual'è l'indirizzo del tuo blog?

per grazia: l'abbinamento coi gamberi è un classico delizioso!

per marika: spero che ora tu stia bene! midevi raccontare delle tue lezioni al gambero rosso! buone weekend anche a te!

nini ha detto...

ulala, deve essere tosta questa crema di lardo..mi immagino una bella torta salata...ahhh, che voglia!

lefrancbuveur ha detto...

nini, grazie del commento!
deve essere interessante e buonissima la crema di lardo in una bella torta rustica, hai ragione!

fiordisale ha detto...

ciao, scusa non avevo visto che mi avevi risposto.
per il mio indirizzo non dovrebbe bastare cliccarci? 'mbo!
cmq tagliamo la testa al toro:
www.fiordisale.it
e mi raccomando, dovessi venire, non scordarti il lardo!
ehehheeh

lefrancbuveur ha detto...

non si evidenziava il tuo nome in blu ma poi ho scoperto che era cliccabile, sorry!